Percorso


Translator



Mappa Webcam





WebCam Appennino




Campo Tizzoro

Campo Tizzoro - Campotizzoro

webcam campo Tizzoro Montagna Pistoiese




Storia
Campo Tizzoro è ricordato per la battaglia di Pistoia del 62 a.C. Questa battaglia rappresenta l'evento conclusivo della congiura di Catilina e vide contrapposte le legioni guidate dal proconsole della Macedonia Gaio Antonio Ibrida all'esercito di Catilina. La vittoria delle truppe regolari fu schiacciante e Catilina e tutti i suoi fedeli trovarono la morte.

Il paese lega la sua storia agli stabilimenti industriali che vi vengono impiantati nel 1910 dalla Società Metallurgica Italiana per la produzione di cartucce: la loro nascita segna anche la creazione del nuovo nucleo urbano prima inesistente. Il paese è costituito per la maggior parte dai capannoni della fabbrica che costeggiano la strada statale 66; nelle vicinanze, sempre ad opera della S.M. I., nascono le prime case operaie che successivamente, tra 1930 e 1935, si amplia per poter ospitare gli operai, gli impiegati e i dirigenti. Alle abitazioni si aggiungono una serie di edifici pubblici: un asilo, una scuola, la chiesa dedicata a Santa Barbara e altri servizi pubblici.

Gli impianti assumono grande rilevanza durante le guerre mondiali e furono anche una delle maggiori industrie italiane per quanto riguarda il settore della lavorazione dei laminati in bronzo, ottone ed alluminio. Nel 1926 il paese viene collegato alla stazione ferroviaria di Pracchia attraverso la Ferrovia Alto Pistoiese nata principalmente per supportare la locale produzione industriale. Nel 1937 hanno inizio i lavori di costruzione dei rifugi antiaerei: un complesso di gallerie scavate nella roccia sotto il perimetro dell'area degli stabilimenti. Dopo la seconda guerra mondiale la S.M. I. ha continuato ad essere fino agli anni ottanta, il cuore dell'economia della Montagna pistoiese. In seguito ha visto un progressivo declino fino alla sua definitiva chiusura avvenuta nel 2006. Attualmente gli impianti sono stati ristrutturati e messi in vendita per il rilancio dell'economia locale.

Toponimo
Il toponimo Campo Tizzoro (spesso scritto Campotizzoro) si pensa possa derivare da campus thesauri, campo del tesoro (con possibili riferimento a Catilina) oppure dalla parola "tizzi" (abbreviazione di tizzone) a causa dei fuochi accesi per bruciare le salme dei cadaveri all'indomani della battaglia. Anche altre interpretazioni sono legate al combattimento: campus tentorium, campo per l'attendamento e anche campus contentorium, campo dello scontro. Un'altra interpretazione sarebbe legata alla geografia del luogo derivando il nome Tizzoro dal latino tensus, disteso, inteso in questo caso nel senso di pianeggiante.

Monumenti e luoghi d'interesse

Architettura religiosa
Chiesa di Santa Barbara: progettata dall'architetto Carlo Ottavio Marchetti e terminata dall'architetto Medeo Lavini, la chiesa si presenta con una veste tipica delle chiese romaniche toscane semplificata ed essenzializzata secondo uno stile razionalista.

Architettura civile
Edifici scolastici: un edificio per l'asilo e uno per tutti gli altri ordini, costruiti ai due lati della strada statale nei pressi del fosso Maresca. I due edifici, realizzati con mattoni a facciavista e dotati di ampie vetrate, presentano una struttura semplice e ispirata al razionalismo italiano, unica in tutta la montagna pistoiese.

Archeologia industriale
Rifugi antiaerei: insieme di gallerie scavate nella roccia sotto il perimetro dell'area degli stabilimenti. Le gallerie si trovano ad una profondità compresa tra i 15 e i 30 metri sotto il suolo; l'accesso avveniva mediante 9 pozzi, protetti esternamente da una cupola a forma di cuspide in cemento armato, ubicati strategicamente rispetto ai vari reparti della fabbrica. La discesa avveniva mediante due rampe di scale elicoidali che permettevano il deflusso rapido degli operai e della popolazione di Campo Tizzoro: in alcune prove effettuate in periodo bellico 6000 persone circa furono evacuate in circa 3 minuti. All'interno il sistema di protezione era dotato di circa 6000 posti a sedere, un reparto di primo soccorso, un cappella con oratorio e servizi igienici. I pozzi erano inoltre dotati di chiusure stagne con un sistema di ricambio e bonifica dell'aria in caso di attacchi con gas; tutto il sistema delle gallerie era dotato di un sistema autonomo di illuminazione da utilizzare in caso di emergenza.

Cultura

Musei
Centro Naturalistico Archeologico della Montagna pistoiese: raccoglie reperti di piante e animali della Montagna pistoiese e illustra l'evoluzione del territorio.
Museo e Rifugi S.M.I.: "Ubicato nella ex palazzina della direzione dello stabilimento S.M. I. il museo raccoglie macchinari per la produzione ed il controllo delle munizioni in essa prodotti, reperti ed oggetti utilizzati nella fabbrica. In oltre sono visitabili anche i rifugi anti aerei costruiti negli anni trenta sotto il perimetro della fabbrica e recentemente in parte ripristinati.



I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.