Percorso


Translator



Mappa Webcam





News-Letter



WebCam Appennino




Spelonga Arquata del Tronto

Webcam Appennino Centrale - Spelonga - Arquata del Tronto

  http://www.picenobello.it

La frazione di Spelonga appartiene al territorio del comune di Arquata del Tronto in provincia di Ascoli Piceno. Si raggiunge lasciando la Via Salaria a Trisungo incominciando a salire per una strada che supera la frazione di Faete e attraversa un bosco di castagni.

Toponimo

Al nome Spelonga, in tempi più antichi Aspelonga, sono state attribuite due diverse fantasiose origini. La prima è la derivazione dal termine spelonca, grotta - cavità naturale, così come Arquata, luogo arcuato (Celani). La seconda dal termine tedesco aspe che indica una varietà di pioppo (pioppo lungo, alto) da cui deriva il greco aspis, scudo in senso di riparo, protezione in genere quindi luogo ove si trova riparo, rifugio (Amadio). Questa seconda ipotesi sarebbe sostenuta dal fatto che lo storico ascolano Gabriele Rosa descrivendo l'abbandono della città di Ascoli nell'anno 590, da parte della sua popolazione spaventata dalla minaccia dell'invasione del duca longobardo di Spoleto Faroaldo, parla di Spelonga ed altri paesi (Capradosso, Pietr'alta, Venarotta etc.) come luoghi ove i fuggiaschi trovarono un più sicuro riparo.

Geografia

Spelonga così come il comune di Arquata del Tronto ha il territorio tra due parchi nazionali: il Parco nazionale dei Monti Sibillini e il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Il paese è costituito da parecchie abitazioni, molte delle quali conservano l'antico aspetto con le mura in pietra, con scalette esterne e piccoli loggiati. Sugli architravi delle porte, si trovano un po' ovunque dei bassorilievi; quello più ricorrente reca scolpita la figura di un angelo in volo. 


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.