Percorso


Translator



Mappa Webcam





News-Letter



WebCam Appennino




Corno alle Scale

Webcam Appennino Settentrionale - Corno alle Scale







Corno alle Scale
Corno alle Scale
Corno alle Scale


Il Corno alle Scale (1.945 m s.l.m.) è una montagna dell'Appennino settentrionale situata nel comune di Lizzano in Belvedere, la cui vetta è inclusa interamente nella provincia di Bologna, della quale costituisce la maggiore altitudine; una parte delle pendici meridionali è inclusa anche nella provincia di Pistoia. Il nome deriva dalla singolare forma della parete settentrionale, costituita da una serie di balze rocciose a gradinate.
È classificato come sito di interesse comunitario e zona di protezione speciale (IT405002), a sua volta parte del Parco regionale del Corno alle Scale, istituito nel 1988.
Ad essa ha dedicato componimenti poetici il poeta e drammaturgo modenese ma genovese d'adozione Vico Faggi.
Indice

Orografia

Dal punto di vista orografico la montagna si presenta nettamente differenziata fra il versante settentrionale e quello meridionale.
Il versante meridionale, che tributa nel fiume Lima tramite il torrente Verdiana, e quello nord-occidentale, che adduce nel Leo tramite il Dardagna, si presentano come caratterizzati da gibbosità ricoperte da praterie sopra i 1.500 m s.l.m.
Il versante nord-est, che tributa nel fiume Reno tramite il torrente Silla, si presenta assai impervio e caratterizzato da una parete a balze rocciose pressoché verticale, chiamata "Balzi dell'Ora", di fronte al Monte La Nuda. Questa parete, alta circa 1.000 m sul fondovalle del Silla, non trova riscontro in nessuna altra formazione orografica appenninica, eccetto che in Abruzzo. Sulla cima, nelle vicinanze del burrone che precipita verso i Balzi dell'Ora, fu posta una grande croce metallica alta 15 m, visibile da decine di chilometri di distanza.
Proprio per questa sua peculiare caratteristica, la vetta della montagna costituisce vertice principale di triangolazione delle rete geodetica italiana.

Clima

A causa della diretta esposizione alle correnti umide provenienti dal Tirreno, sulla cima s'addensano spesso fitte nuvole, causando abbondanti e violente piogge (circa 4.000 mm/anno). Inoltre, sovente, vi soffiano venti con velocità superiori a 100 km/h anche in piena estate.


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.