Percorso


Translator



Mappa Webcam





News-Letter



WebCam Appennino




Pietra Bismantova

Webcam Appennino Settentrionale - Pietra di Bismantova

 


La Pietra di Bismantova (N 44° 25' 15" E 10° 24' 53") è una montagna dell'Appennino reggiano, alta 1041 metri.

È situata nel comune di Castelnovo ne' Monti, paese che sorge alle sue falde, in provincia di Reggio Emilia. Si presenta come uno stretto altopiano dalle pareti scoscese, che si staglia isolato tra le montagne appenniniche.

La zona è classificata come sito di interesse comunitario (codice IT4030008) della Rete Natura 2000,[2] ed è in parte compresa nel territorio del Parco nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano.


La formazione geologica che costituisce e che rende peculiare la Pietra di Bismantova è nota col nome di Formazione di Bismantova;[8] essa possiede una potenza di circa 100 metri[9] ed è composta da un basamento di marne su cui poggia un livello di calcarenite, depositatesi in ambiente marino[1] di piattaforma continentale interna[9] nel Miocene inferiore e medio, fra il Burdigaliano superiore e il Langhiano inferiore.[8] Vi sono contenuti resti fossilizzati come gusci di molluschi, echinidi, briozoi, foraminiferi bentonici e alghe coralline,[9] in particolare specie tipiche di acque temperato-calde.[10]

Dopo l'emersione della catena appenninica, la successiva fessurazione e frammentazione della formazione arenacea, seguita da erosione, hanno lasciato intatta la porzione di lastra visibile attualmente, lunga 1 km, larga 240 metri e alta 300 metri rispetto alla pianura circostante.[11] La sommità della Pietra raggiunge i 1041[1] metri sul livello del mare.

Molti dei massi che si trovano attorno alla Pietra di Bismantova si sarebbero staccati in epoca recente, attorno al XVII secolo, durante la piccola era glaciale.

Alpinismo

La prima ascesa è attribuita a Carlo Voltolini, che scalò in solitaria la Pietra di Bismantova nel 1922. Il tracciato della sua salita, che arriva al terzo grado superiore, prese il nome di "Via degli Svizzeri", dall'appellativo dato dai locali a Voltolini, che in realtà era trentino, e all'amico svizzero che lo aveva accompagnato ai piedi del monte. Nel 1940 Nino Oppio scalò la parete sud-est, aprendo la "Via Oppio" a lui intitolata. Lo stesso anno Armando Corradini e Olinto Pincelli salirono il diedro dal piazzale dell'Eremo, con difficoltà di sesto grado. Negli anni seguenti Pincelli aprì numerosi percorsi di arrampicata.[17]

Una nuova fase si aprì negli anni 1960. La prima arrampicata in artificiale sulla Pietra di Bismantova avvenne nel 1960, ad opera di Luigi Zuffa e Benito Modoni, da cui la "Via Zuffa-Modoni". Nel frattempo la pratica dell'alpinismo si andava diffondendo in Emilia-Romagna, e la Pietra diventò una delle palestre di roccia più popolari della regione.

Tra la fine degli anni 1960 e la metà degli anni 1970 vennero aperte molte nuove vie: la "G.A.B." dedicata al Gruppi Amici di Bismantova nel 1968, la "Donato Zeni" e la "Via dei Lumaconi" nel 1969, la "Via Nino Marchi" nel 1971, la "Via Doretta" e la "Via Paola" nel 1972, la "Via CAI Parma" nel 1973 e la "Via del Centenario" nel 1975. A partire dalla metà degli anni 1970 cominciò ad affermarsi l'arrampicata libera su alti gradi di difficoltà, lungo i tracciati aperti in precedenza in artificiale. Il settimo grado fu raggiunto da Emilio Levati nell'ultimo tiro di corda della "Via del Centenario".

A metà degli anni 1980 prese piede l'arrampicata sportiva. Vennero introdotte alcune innovazioni tecniche, come lo spit e il monotiro, e aperte nuove vie, mentre i vecchi tracciati furono progressivamente richiodati.Non mancarono le polemiche: ci furono proteste contro gli appigli scavati nella roccia per agevolare l'arrampicata libera, e contro le nuove chiodature che impedivano di fatto l'arrampicata in artificiale su alcune vie.

Alla fine degli anni 2000 l'arrampicata sportiva è ancora la pratica prevalente, ma si nota una ripresa dell'arrampicata in artificiale.


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.